Ascoltatrice silenziosa

Sono quel genere di persona che osserva e non parla. Che sa come ti chiami perché quando parli con i tuoi amici ti guarda e ascolta, sorride ogni tanto, lasciando sempre che siamo gli altri a parlare.

Non so quel tipo di ragazza che parla tanto di se stessa agli altri, ho seri problemi nell’entrare in confidenza con le persone, anche se le conosco da molto tempo. Perciò le osservo, e a volte e confortante per me sapere che so più cose sulle persone che mi circondano di quanto loro sapranno mai su di me, perché è come se mi costruissi una barriera di sicurezza… All’università , ad esempio, siamo circa un centinaio di ragazzi a seguire lo stesso corso, e io solitamente parlo solo con le ragazze del mio gruppo, a parte qualche eccezione. E, senza mai aver scambiato una parola con la maggior parte dei miei compagni di corso, conosco quasi tutti i loro nomi, i rapporti di amicizia e amore tra alcuni di loro, le città da cui vengono, come passano le giornate, come si chiamano alcuni componenti delle loro famiglie, dove hanno passato le vacanze e così via.

Sono cosciente del fatto che potrei inquietantemente sembrare una stalker, ma non è così. Non cerco queste persone sui social network per sapere di più su di loro, non origlio le loro conversazioni sussurrate, semplicemente arrivo spesso a lezione in anticipo e, non avendo nessuno con cui parlare, ascolto ciò che viene detto. Ed è curioso come io sappia così tante cose, anche futili, sulla loro vita, mentre molti di loro conoscono a mala pena il mio nome. Non sono mai stata una grande oratrice, credo sia nella mia natura essere un’ascoltatrice, mi è sempre riuscito piuttosto bene. Mi siedo e ascolto, tutto qua. Non lo ritengo né un pregio, né un difetto, semplicemente è parte della mia personalità, una delle mie caratteristiche principali.

Chi mi conosce bene e in profondità sa infatti che non sono una chiacchierona, preferisco osservare le persone negli occhi per molto tempo piuttosto che parlare, personalmente trovo che molto spesso il silenzio esprima ciò che si prova molto più efficacemente che centinaia di parole inutili e vuote. Ma non per questo voglio dare meno importanza ai discorsi e alle chiacchierate, anzi; quando ho qualcosa da raccontare non c’è verso di zittirmi, o quando devo avere ragione a tutti i costi, ma generalmente sono taciturna. Quando scrivo invece, corro come un treno, buttando giù i miei pensieri sulla carta o sullo schermo, senza fermarmi, proprio come se la mia mente, carica di tutti quei pensieri silenziosi accumulati, avesse bisogno di una valvola di sfogo, attraverso cui lasciare scorrere tutte le parole, altrimenti rischierebbe di scoppiare. Ho come l’impressione che questo articolo sia venuto fuori come un discorso confuso, senza capo né coda, ma spero di aver reso almeno l’idea di ciò di cui ho voluto parlare, lasciando aperto uno spiraglio nella mia personalità contorta. Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...