Recensione Audible – “Middlesex” (estratto)

La serie di recensioni procede questa settimana con l’estratto gratuito da “Middlesex” di Jeffrey Eugenides, reperibile su Audible, dove è in formato aiuto della durata di 40 minuti. L’estratto presenta le prime
pagine del libro, lette dal narratore Kristofer Tabori (per la versione inglese).

L’audiolibro è raccontato in prima persona dalla protagonista, Calliope (o Callie), che fin dall’inizio presenta una situazione alquanto strana e particolare. Racconta come la sua adolescenza sia trascorsa tra un ospedale e l’altro, tra uno studio di ricercatori e medici, e come lei sia anche finita sulle pagine di alcuni libri di medicina, nuda e analizzata. All’inizio non ci è dato sapere quale sia la particolarità della ragazza, che racconta la sua storia partendo dal principio.
Ci parla così prima della nascita di suo fratello, di come tutti desiderassero che si trattasse di una bambina, e di come la nonna era riuscita ad indovinare il sesso del feto solamente appoggiando un cucchiaio sul ventre di Tessie, la madre di Callie e di suo fratello, e lasciandolo girare.

Una volta trascorsi diversi anni dalla nascita del bambino, i genitori si erano mostrati interessati ad avere un altro figlio, sempre speranzosi che questa volta si trattasse di una bambina. Ma regnava nell’aria un problema, un qualcosa di misterioso di cui nessuno voleva parlare. Il papà di Callie aveva iniziato a fare ricerche, e a capire in che modi fosse più probabile che il feto concepito fosse una femmina piuttosto che un maschio; arriva addirittura a comprare un termometro basale per sua moglie, invitandola ad usarlo e ad avere rapporti sessuali con lui quando la temperatura raggiunga un certo livello. Tessie, dapprima scettica, arriva poi ad usarlo, fino a quando lei e il marito concepiscono Callie.
Tutta la famiglia, suo marito in particolare, spera con tutta se stessa che si tratti di una bambina, e urla di gioia si spargono per la casa nel mese di gennaio, quando il neonato si dimostra essere una femmina.

La protagonista, sempre raccontando in prima persona, parla di un gene che si è tramandato nella sua famiglia da generazione a generazione, e che, per sua scelta, terminerà con lei il suo corso. La ragazza lascia inoltre intendere che il gene abbia a che fare con le caratteristiche e gli organi sessuali delle persone che ne vengono colpite. Durante l’adolescenza, da lei vissuta a partire dal 1974, Callie osserva le sue amiche svilupparsi e crescere, mentre lei continua sempre più a somigliare a un maschio, fino a che non viene fuori la verità: lei è sia una ragazza che un ragazzo.

Se devo essere sincera, la lettura di questo estratto non mi ha spinto a volerne leggere il seguito. L’ho trovato ben scritto, ma comunque molto confusionario e poco chiaro. Molto probabilmente tutto ciò che è confuso nelle prime pagine sarà chiarito più avanti, col procedere della storia, ma ritengo comunque che un accenno di spiegazione dovrebbe comunque essere fornito anche all’inizio.
Ciò che secondo me rende la storia ancora più confusa è il modo dell’autore di saltare lungo la linea del tempo senza una logica apparente: si parte dal presente, si arriva quasi al momento della nascita di Callie, per poi tornare indietro e assistere al suo concepimento e infine alla venuta al mondo. In ogni caso, lo consiglierei a chi ama i racconti che riguardano segreti di famiglia, particolarità della medicina e problemi sessuali adolescenziali. Nella versione italiana, pubblicata da Mondadori, il titolo è stato mantenuto lo stesso della versione originale.

Alla prossima settimana, con la recensione dell’estratto da “The Psychopath Test” di Jon Ronson.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...