“The Secret” di Rhonda Byrne (Libro e Film)

Circa un anno e mezzo fa ho letto il libro “Il Segreto” di Rhonda Byrne, l’ho davvero apprezzato e messo in pratica per un periodo di tempo, dimenticandomene poi come la maggior parte delle persone che lo ha letto. Poi l’altro giorno, quasi per caso, l’ho rivisto su uno degli scaffali di casa mia, e mi è improvvisamente tornata la voglia di leggerlo e di applicarlo. Dopo aver velocemente sfogliato alcune pagine, mi sono anche ricordata di come, all’interno del volume, l’autrice menzionasse anche un film che trattava gli stessi argomenti del libro, con gli stessi personaggi e gli stessi insegnamenti, solo in maniera più breve e visiva.
Ho preso così la decisione di avventurarmi nella sua lettura con calma, per apprezzarne tutte le sfumature; nell’attesa, per rinfrescare un po’ la memoria sugli argomenti affrontati all’interno del libro, ho pensato bene di guardare l’omonima pellicola disponibile su Vimeo.

Il film, prodotto da Rhonda Byrne, autrice del libro, dura 90 minuti, e non è per niente un film convenzionale. Non aspettatevi infatti dei protagonisti, una storia, delle vicende e un lieto fine, perchè “Il Segreto” è invece un video che raccoglie gli insegnamenti di diversi maestri e scopritori di questo “Segreto” che viene svelato pian piano.
Tutto inizia con la storia della scrittrice/produttrice che, in un periodo brutto della sua vita, scopre grazie a sua figlia le tracce di questo mistero che potrebbe cambiare la sua vita e quella di tutti gli esseri umani. Inizia perciò a compiere continue ricerche, trovando grandi personalità del passato che hanno sfruttato pienamente il Segreto: Einstein, Madre Teresa di Calcutta e molti altri; desiderosa di saperne di più, cerca anche di trovare persone ancora vive che conoscano e utilizzino questa tecnica. E le trova.

Queste persone sono infatti tutti quegli uomini e donne che, nel corso del film (e del libro), introducono lo spettatore alla Legge di Attrazione, alle sue basi e a come ottenere ciò che si desidera. Tra di loro troviamo, per nominarne alcuni, Bob Proctor, Joe Vitale, Marci Shimoff, Jack Canfield, Marie Diamond e moltissimi altri. Il loro compito è condurci attraverso la scoperta della Legge di Attrazione, secondo la quale qualunque cosa avvenga nella nostra vita, bella o brutta che sia, è stata attirata a noi dai nostri pensieri inconsci. Perciò i nostri pensieri negativi attraggono bollette, debiti, problemi, fine di una relazione, incidenti, mentre i nostri pensieri positivi portano a noi gioia, relazioni felici, promozioni, il lavoro che desideriamo, l’auto dei nostri sogni e così via. La Legge funziona con tutto, cose materiali, relazioni interpersonali ed eventi, e tutto dipende dalla frequenza con cui i nostri pensieri raggiungono l’Universo.

Spiegare il procedimento in poche parole è davvero difficile, ma queste persone lo fanno con grande chiarezza durante il film, parlando di esperienze personali, raccontando storie a cui hanno assistito, dando consigli generali. Il cardine fondamentale su cui si basano i loro insegnamenti e il pensiero positivo, in assoluto; questo è infatti la base per ricevere ciò che si desidera.
In secondo luogo, bisogna chiedere all’Universo che cosa si vuole, facendo in modo che la richiesta sia la più chiara e dettagliata possibile. Ma come si richiede qualcosa? Gli esperti propongono alcune tecniche utili ed interessanti nel corso del film, trucchi che possono essere facilmente messi in pratica da chiunque.
La fase successiva è la più complicata, quella dell’attesa. Si tratta infatti del passaggio che segue la richiesta; una volta che “l’ordine” è stato fatto, non resta che aspettare, credendo fermamente e con tutte le proprie forze che ciò che desideriamo ci verrà recapitato al più presto. Dal momento che credere incondizionatamente non è per niente facile, soprattutto per chi lo mette in pratica per la prima volta, gli autori introducono la visualizzazione, tecnica secondo la quale bisogna visualizzare se stessi come se già avessimo ottenuto ciò che desideriamo, assaporando la sensazione di possederlo e ringraziando l’Universo per avercelo offerto. In questo modo invieremo frequenze positive che non potranno far altro che accelerare l’arrivo di ciò che abbiamo chiesto.
L’ultima fase consiste nel ricevere, e ciò nell’apprezzare, godere e assaporare il fatto di aver ricevuto ciò che era stato chiesto in precedenza, creando un continuo percorso di gratitudine.

Personalmente ho apprezzato entrambe le fonti attraverso il quale l’argomento è stato trasmesso, sia visivo che in forma scritta, anche se ho comunque apprezzato maggiormente il libro. Nonostante gli argomenti trattati siano gli stessi, ho però trovato che il volume li tratti in modo più approfondito rispetto a quanto prodotto sulla pellicola, ovviamente per problemi di tempo.
Consiglierei perciò a chiunque fosse interessato a cimentarsi nella scoperta di questo nuovo modo di vedere la vita e il nostro modo di pensare di cominciare dalla lettura: leggete il libro con tutta la calma del mondo, comprendete i suoi insegnamenti, ricercate le cose che non capite, mettete in pratica le tecniche raccontate. Tenete poi il film da parte, come una sorta di fissante da applicare al termine della lettura, in modo da assicurarsi di aver compreso tutto a fondo; potete anche utilizzarlo ogni tanto come una sorta di “ripasso mentale”, dato che, se non applicate in modo constante, la nostra mente tende a dimenticare tutte le strategie imparate.

Come ultimo consiglio, suggerisco inoltre di visitare i siti web di tutti gli esperti che parlano nel corso del film. Molti di loro offrono infatti dei mini-corsi gratuiti per chi si iscrive alle loro newsletter, oppure forniscono i primi capitoli di alcuni volumi da loro pubblicati. Una su tutte, la mia preferita resta sempre Marci Shimoff, che oltre a regalare parti dei suoi libri e mail piene di ispirazione, offre anche un libro di “esercizi” per rafforzare l’apprendimento degli argomenti da lei insegnati.

Alla prossima!

Annunci

5 risposte a ““The Secret” di Rhonda Byrne (Libro e Film)

  1. Pingback: “Notes from the Universe” di Mike Dooley | Bits and Pieces

  2. Pingback: How to create a virtual vision board | Bits and Pieces

  3. Pingback: “Creating A Bug Free Mind” di Andy Shaw | Bits and Pieces

  4. whoah this blog is magnificent i really like reading your posts.
    Keep up the great work! You recognize, many people are
    looking around for this info, you can aid them greatly.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...