“L’ospite di notte” di Hillary Waugh

A chi di voi segue le mie recensioni, probabilmente suona nuovo sapere che sono molto appassionata nella lettura di romanzi gialli. Mia nonna ne ha un’intera collezione (discretamente “antica”) e di tanto in tanto ne leggo qualcuno, lasciandomi sempre ammaliare dalle loro trame. Sono talmente appassionata che, ai tempi dell’esame di maturità, ero partita con l’idea di scrivere la tesina sul genere poliziesco, cambiando poi idea più tardi.
Quest’estate, sapendo di partire per una vacanza dove avrei trascorso molte ore in auto, ho scelto di rileggere questo libro, che avevo già letto circa un anno fa e che è diventato assolutamente il mio giallo preferito fino ad adesso.

Il libro, pubblicato nel 1971 con il titolo originale di “The Shadow Guest” è narrato in prima persona da Howard Whetan, un prestigioso architetto di New York, sposato con la giovane attrice Angela. Un giorno la loro magnifica vita perfetta viene interrotta da una grande notizia: la ditta di Howard ha vinto un appalto per la costruzione di diversi edifici a Londra, e la coppia è costretta a trasferirsi nella capitale inglese. Da subito Angela inizia a comportarsi stranamente, e, lasciata sola per lunghissimo tempo nel loro appartamento londinese, cade in uno stato di profonda depressione. Howard fa di tutto per aiutarla a superarla, ma sfortunatamente ha un attacco cardiaco che lo obbliga a rimanere a riposo per almeno tre mesi, senza dedicarsi al suo stressante lavoro.

Perciò entrambi hanno necessità di trovare un luogo tranquillo dove guarire dai propri malanni, e la ricerca del posto viene affidata ad Angela, che nel frattempo è seguita settimanalmente da uno psichiatra. La donna, dopo molte ricerche, trova, apparentemente per caso, un villino sul mare, a due ore di macchina da Londra, in un luogo assolutamente isolato, sulla cima di una scogliera. Per niente d’accordo, Howard si convince a trascorrere con la moglie i necessari tre mesi nella villa, soprattutto una volta visto il forte entusiasmo di Angela a proposito di quella casa. Tutto procede bene di giorno, mentre tutto cambia durante la notte: rumori misteriosi, risate macabre, luci che si accendono da sole e misteriose figure spettrali sono solo alcuni dei fatti inspiegabili che i coniugi si troveranno a dover affrontare insieme.

Addentrandosi nella storia della casa e dei precedenti abitanti, Angela e Howard scopriranno segreti nascosti e bugie, fino a giungere alla scioccante verità, e cioè che niente è quello che sembra.
Come ho già scritto prima, ho adorato questo libro e lo ritengo scritto con estrema maestria e preparazione; niente è infatti lasciato al caso. Ne consiglio ovviamente la lettura agli amanti dei gialli e delle storie misteriose, ma anche a chi apprezzi le storie che terminano con uno shock e una grande scoperta. Un’unica avvertenza per chi volesse tentare l’avventura: nel corso del libro, tante teorie si formeranno dentro di voi; restate però abbastanza con i piedi per terra, altrimenti rischierete che il finale, decisamente realistico e per niente surreale, vi deluda un po’.

Il volume da me posseduto è stato pubblicato nel 1972 dalla Mondadori, sotto la collana “Il Giallo Mondadori”; non so però se questo libro sia ancora reperibile presso la casa editrice o meno.
Alla prossima!

20140806-083232-30752740.jpg

Annunci

6 risposte a ““L’ospite di notte” di Hillary Waugh

  1. letto e riletto più volte…sempre stimolante, anche se già si conosce il finale:l’intreccio, una macchina perfetta

    Piace a 1 persona

  2. Se ti piace il giallo, ti raccomando ad occhi chiusi quelli di cui ho parlato in questo mio post: http://wwayne.wordpress.com/2014/06/30/la-bambina-e-il-buio/. : )

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...