Recensione Audible “The Immortal Life of Henrietta Lacks” (estratto)

La serie di recensioni Audible riparte questo mese con l’estratto gratuito dal romanzo “The Immortal Life of Henrietta Lacks” di Rebecca Skloot. reperibile sulla piattaforma digitale di audiolibri, dove è in formato audio della durata di 56 minuti. L’estratto presenta l’introduzione, la prefazione e il primo capitolo del libro, letti da Cassandra Campbell e Bahni Turpin per la versione inglese. Potete acquistare l’intero audiolibro o scaricare solo l’estratto gratuito cliccando qui.

the immortal life of henrietta lacks

Rebecca Skloot, autrice di questo libro, è una giovane sedicenne quando, a una lezione di biologia, sente nominare per la prima volta Henrietta Lacks, nota in campo medico con il soprannome HeLa. Il professore illustra agli allievi l’importanza di questa donna, le cui cellule hanno aiutato a sviluppare vaccini e nuove, immense scoperte nel campo della medicina. Ma, nonostante la sua rilevanza, nulla di più viene detto sulla vita di questa importantissima donna.
Sempre più incuriosita, Rebecca inizia a fare ricerche dopo ricerche, intervistando medici, scienziati, familiari e storici nel tentativo di ricostruire dall’inizio la storia di Henrietta, e ciò che scopre viene riportato, parola per parola, in questo libro.

Henrietta Lacks (che non era il suo nome di battesimo), era una donna di colore, madre di cinque figli, sposata con suo cugino, coltivatrice di tabacco insieme a tutta la sua famiglia, lavoro tramandato da generazioni. Nel 1951, a soli 29 anni, scopre di avere un tumore alla cervice, tumore che lei “sentiva” di avere da almeno un anno ma che aveva ignorato deliberatamente, diffidando dei medici. Ma una volta che la massa uterina inizia a sanguinare, a Henrietta non resta altro che andare al Johns Hopkins Hospital, l’unica struttura ospedaliera nel giro di chilometri che si offra di curare anche le persone di colore.

Il ginecologo che la osserva resta stupito dalle dimensioni di questo tumore e dalla velocità con cui si è formato, e preleva un campione di cellule per studiarlo. Dopo la morte di Henrietta, avvenuta inevitabilmente poco tempo dopo, queste cellule non sono morte nel laboratorio, ma hanno continuato a riprodursi da sole per la prima volta nella storia della medicina.
Nel tentativo di carpire più informazioni sul patrimonio genetico della donna, la sua intera famiglia viene messa sotto esame, senza essere però informata del vero motivo dei test, ma venendo tenuta sotto una coltre di bugie e ignoranza.

Le cellule di Henrietta (o HeLa) arrivano a fare cose grandiose per la medicina; grazie ad esse, il vaccino per la polio è stato sviluppato, alcuni misteri del cancro sono stati svelati, è stato possibile studiare gli effetti della bomba atomica e dell’atmosfera lunare sull’organismo umano, si è condotta l’inseminazione assistita, la clonazione e la mappatura genetica. Insomma, molto di ciò che siamo e sappiamo adesso deriva dallo studio sulle sue cellule, al punto che quasi ogni laboratorio nel mondo contiene le cellule di HeLa al suo interno; una statistica afferma che, se le si raggruppasse tutte insieme in linea, farebbero il giro del mondo almeno tre volte. Tutti questi successi ottenuti grazie ad Henrietta e alla sua morte non sono stati resi noti alla famiglia fino a vent’anni dopo la sua morte; inoltre, nessuna ricompensa di alcun tipo è stata elargita ai parenti, che si mostrano tutt’oggi arrabbiati per il traffico di denaro intorno alle cellule di Henrietta. Nel campo della biologia, infatti, queste cellule vengono costantemente comprate e vendute da laboratorio a laboratorio, creando un mercato lucroso di cui la famiglia non ha mai visto un centesimo.

Deborah, una delle figlie di HeLa, ha fornito un grande aiuto all’autrice, testimoniando e raccontando i fatti con una semplicità sconcertante; la donna si mostra profondamente diversa dall’autrice dal punto di vista della fede, aprendole gli occhi su un mondo sconosciuto e un nuovo modo di vedere le cose.
L’ascolto di questo audiolibro mi ha portata a riflettere su come una persona possa contribuire in modo così importante allo sviluppo della biologia, della medicina e dell’umanità, ed essere a malapena nominata nei libri sull’argomento, come se la sua storia non fosse davvero importante. Mi ha invece sconvolto come la famiglia abbia saputo solamente vent’anni dopo l’importanza delle cellule di HeLa e il contributo da lei lasciato, per non parlare del fatto che non è mai stata elargita alcuna somma di denaro ai discendenti.

Questo audiolibro mi ha catturata e interessata moltissimo per tutta la sua durata; pur essendo semplicemente un estratto dell’opera completa, sono sicura che il volume sia scritto con la stessa maestria e attenzione per i particolari. L’autrice mostra una grande sensibilità nell’interessarsi ad Henrietta, cercando di sorvolare su ciò che è successo alle sue cellule nei laboratori dopo la sua morte, focalizzandosi invece sulla sua breve vita, raccontandone in modo realistico gioie, dolori ed emozioni, il tutto con l’aiuto di toccanti testimonianze dei parenti.

Consiglio la lettura di questo romanzo (o almeno dell’estratto) a chiunque sia interessato alla biologia, alla medicina, alla storia e a chi voglia leggere un racconto intenso ed emozionante su una donna forte e spesso dimenticata. Se le mie ricerche sono state condotte in modo giusto, il volume non è mai stato tradotto in lingua italiana. Alla prossima recensione di Audible, con l’estratto da “First Grave on the Right” di Darynda Jones.

First grave on the right di Darynda Jones - Audible


“Bits and Pieces” è adesso su numerosi social network; potete trovare il profilo del blog ai seguenti link:
Twitter
Instagram
Pinterest
Tumblr
Google+
Per richieste private o collaborazioni, il blog ha adesso un suo indirizzo e-mail: bitsandpieceswordpress@gmail.com

Annunci

Una risposta a “Recensione Audible “The Immortal Life of Henrietta Lacks” (estratto)

  1. fantastic issues altogether, you just gained a new reader.
    What would you recommend about your publish that you simply made a few days ago?
    Any positive?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...