Caro 2015…

Caro 2015
siamo quasi giunti alla fine della nostra relazione e devo dire che non vedo davvero l’ora di dirti addio del tutto. Il nostro rapporto è cominciato circa dodici mesi fa, e tutto era perfetto agli inizi. Quando abbiamo fatto la rispettiva conoscenza, io ho stilato una lunga lista di obiettivi da pormi per fare in modo che la nostra relazione funzionasse al meglio, ma non è proprio andata come speravo. Non posso certo dire che butterei via ogni singolo giorno passato insieme, ma di certo avrei gradito qualcosa di meglio. Non sto certo incolpando te, non lo farei mai, dopotutto tu ti sei limitato a rimanere al mio fianco ogni singolo giorno, ricordandomi dello scorrere inevitabile del tempo. Ma che fine hanno fatto gli obiettivi che avevo per me stessa e per la nostra relazione?

Avevo fissato dei paletti che volevo raggiungere in varie aree della mia vita: fitness, alimentazione, carriera universitaria, relazioni sentimentali, spiritualità e salute mentale. Per ognuna di queste aree avevo creato un piano d’azione dettagliato, con tutti i passi da seguire per avere successo e realizzare i miei desideri. Per i primi tre o quattro mesi del nostro rapporto, sono stata bravissima e sono riuscita a impegnarmi in tutte le cose che mi ero prefissata, ma poi qualcosa ha cominciato a incrinarsi. Sono cominciate le crisi depressive, prima sporadiche e poi sempre più frequenti, accompagnate da adorabili sbalzi d’umore, scatti d’ira, alimentazione compulsiva e senza equilibrio, pensieri di morte, notti insonni e via dicendo.

foto

Siamo arrivati adesso a un punto morto della nostra relazione, dove tutto va bene per una settimana, per poi crollare drasticamente sette giorni dopo, e rimettersi in piedi per distruggersi di nuovo. Sono una fenice che continua a risorgere dalle ceneri, senza trovare però la forza di diventare un bellissimo uccello. Com’ero prima di incontrarti? Pesavo più di quanto volessi, mangiavo male, non facevo attività fisica, non trovavo motivazione a impegnarmi con lo studio, non ero coinvolta al cento per cento nelle mie relazioni e lasciavo che la mia vita fosse governata dall’ansia.

Cosa è cambiato dopo quasi un anno di conoscenza? Ho perso dieci chili nei primi tre mesi, mantenendoli per un po’ e recuperandoli poi del tutto in questo ultimo mese (anzi, superandoli addirittura, al punto da non essere l’unica ad averlo notato). Ho scombussolato la mia salute, esagerando in alcuni momenti con l’esercizio fisico. Ho frequentato l’università per un po’, scappando poi dalle lezioni non appena si presentava il contesto sociale del corso. Ho trascorso la prima vacanza da sola con il mio ragazzo, una delle settimane più belle della mia vita. Ho cercato di combattere l’ansia parlandone un po’ di più e affrontando me stessa, finendo spesso per fallire e senza mai trovare il coraggio di apportare un cambiamento drastico.

Io e te siamo ormai a un punto in cui passiamo da un estremo all’altro, senza la minima via di mezzo. Per un periodo sono piena di motivazione, mangio sano, studio, sto bene con me stessa, mi sento felice e capace di fare tutto; un momento dopo vorrei solo stare rintanata a letto tutto il giorno, mangiare senza sosta e non avere rapporti con nessuno. Ma questo non va bene, ed è colpa mia. In questi pochi mesi ho rovinato un rapporto iniziato alla grande, che sarebbe potuto concludersi ancora meglio. Non è stato così, e me ne assumo tutte le colpe.

In quest’anno ho imparato più cose su di me che mai prima d’ora, alcune interessati e altre spaventose. Nonostante ciò, non vedo l’ora che finisca. Non vedo l’ora di cominciare il rapporto successivo, cercando in tutti i modi possibili di trovare l’unica cosa che mi farebbe stare bene, l’unica cosa che legherebbe insieme tutte le aree della mia vita rendendomi ciò che voglio essere: l’equilibrio.

Caro 2015, se potessi mettere una buona parola con tuo fratello 2016, te ne sarei grata. Digli che un goccino di equilibrio fisico e mentale non guasterebbe, e che mi sto preparando a rendere il nostro rapporto futuro il migliore mai esistito. Fare la tua conoscenza è stato un piacere, grazie di avermi accompagnato assiduamente e aver avuto a che fare con le mie follie.

Tra pochi giorni sarò pronta a dirti addio e a ritrovarti solo più nei miei ricordi.

Silvia


Eccoci di nuovo a parlare del nuovo progetto con cui vi sto rompendo le scatole da un po’, e che, guarda caso, verrà presentato proprio il primo giorno del 2016. Gli indizi contenuti negli scorsi articoli erano “salute” e “alimentazione“, mentre questa volta è gocce. Curiosi? 😉


“Bits and Pieces” è adesso su numerosi social network; potete trovare il profilo del blog ai seguenti link:
Twitter
Instagram
Pinterest
Tumblr
Google+

Per richieste private o collaborazioni, il blog ha adesso un suo indirizzo e-mail: bitsandpieceswordpress@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...