Paura di cadere

Vedo miglioramenti che non mi sarei mai aspettata. Nell’ultimo mese, ho fatto passi da gigante che non ritenevo assolutamente possibili. Si tratta di cose che per la maggior parte delle persone sono insignificanti, ma per me rappresentano invece un grandissimo cambiamento. Cose come una camminata di mezz’ora da sola, un sorriso e una chiacchierata con qualcuno all’università, un’occasione di confronto, un po’ di autonomia in più. Miglioro a vista d’occhio e mi stupisco di me stessa.

Mi ritrovo a ripensare alla persona che ero fino a pochissimo tempo fa, e sembra  tutto appartenere ad un altro universo. C’era una persona buia, ombrosa e senza speranze, o almeno era questo che le piaceva credere. C’è adesso una ragazza motivata, piena di idee per il futuro e consapevole che la sua forza aumenta giorno per giorno, tra alti e bassi. Non è necessario sprofondare nel buio e nelle profondità dell’anima quando qualcosa fa male, bisogna imparare a riprendersi subito, come una molla, rimbalzare in posizione di partenza.

Bisogna però sentire il dolore, quando si presenta. Tristezza, delusione, frustrazione, rabbia, non scompaiono di certo, come è giusto che sia. Non serve a niente far finta che non esistano, relegarle in un angolo nascosto del cuore e della mente, perché spunteranno sempre e sarà ancora peggio. Bisogna immergersi al loro interno per un po’, sentire a pieno il dolore che comportano, provarlo in ogni cellula del corpo, e infine lasciarlo andare. Accettarlo totalmente è l’unico modo per liberarsene. Fino a quando tornerà.

E certo che c’era un “ma”, figuriamoci. Il “ma” è il dubbio che tutto questo sia una finzione. La paura costante che il crollo arrivi, che avvenga qualcosa con il solo scopo di buttarmi a terra, nel buco in cui mi trovavo prima, e che mi imponga di rimanerci. Terrore di ritrovarsi nella spirale senza fine in cui non sembra esistere speranza, né via d’uscita. Paura di ritrovarsi incatenata al mostro nero della depressione, pronto a confessarmi che tutto sta andando bene solo nella mia testa, mentre in realtà non è così. A volte è talmente forte che riesco già a percepire il crollo. Lo sento nella testa e nella pancia, immagino come sarà, quasi fosse già qui con me. Eppure non crollerò, non accadrà. Non ci saranno più le abbuffate, calorie vuote a bizzeffe nello stomaco pur di riempire un vuoto incolmabile. Non ci sarà più, alle due di notte, la patetica richiesta, tra le lacrime, di ricevere piacere fisico pur di non pensare alla realtà. Non ci sarà più la fuga dalle lezioni, quando le cose diventano difficili a causa della mia ansia. Non ci sarà più nemmeno l’abitudine a nascondere le mie emozioni, fingendo che non esistano.

Ci sarò solo io. Io e la mia voglia di continuare a migliorare.

“Victory is in my veins, I know it, I know it, and I will not negotiate, I’ll fight it, I’ll fight it, I’ll be transformed”.


“Bits and Pieces” è su numerosi social network; potete trovare il profilo del blog ai seguenti link:

Twitter
Instagram
Pinterest
Tumblr
Google+

Per richieste o collaborazioni, il blog ha adesso un suo indirizzo e-mail: bitsandpieceswordpress@gmail.com

Non dimenticate che ho un altro blog, Gocce di Salute, dove parlo di alimentazione, fitness e uno stile di vita sano ed equilibrato. Venite a dare un’occhiata e iscrivetevi se siete interessati!

Annunci

11 risposte a “Paura di cadere

  1. Puoi farcela! La paura di cadere ci sarà sempre, come le cadute, ma devi trovare la forza e la motivazione di rialzarti. E soprattutto devi farlo per te stessa, perchè sai di valere e che le cose possono andare male, ma anche benissimo. Non è detto che la vita sia fatta solo di sofferenza, possono esserci delle bellissime sorprese dietro l’angolo, persone che ti amano nonostante tutto e ti aiutano a rialzarti. Non dimenticare mai che non sei sola e che ci sarà sempre qualcuno a offrirti una mano quando sarai caduta un po’ più in basso. Detto questo, ti auguro il meglio. Buona fortuna con il tuo percorso!

    Piace a 1 persona

    • Grazie mille, sul serio. Hai ragione, purtroppo fino a qualche tempo fa per me doveva essere tutto bianco o nero. Alla prima negatività, mi buttavo giù. Adesso sto capendo che non deve essere così, ma perché non succeda devo imparare ad accettare questi momenti. Grazie di cuore 😘

      Piace a 1 persona

  2. È assurdo come io riesca a ritrovarmi perfettamente in quello che hai scritto….ho sofferto per anni di attacchi di panico e nella via della guarigione non riuscivo a pensare ad altro, che a quello che hai appena scritto qui. So benissimo come ci si sente e posso dirti che stai sulla via giusta, bravissima!

    Piace a 1 persona

  3. che bello sono contenta, anche e soprattutto della parte dolorosa ma che non vuoi più rimuovere o tenere dentro. è una strada difficile ma secondo me fondamentale, una roba che vorrei riuscire anch’io…. dai, pianopiano…<3 buona giornata!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...