Archivi categoria: Recensioni Glee 5

Glee 5 – Review Generale

Leggendo qualche giorno fa i numerosissimi spoiler che stanno uscendo in questo periodo a proposito della trama e dei personaggi della sesta stagione di Glee, ho realizzato di non aver ancora scritto un articolo che riassumesse i miei pareri e le mie opinioni a proposito della quinta stagione.
Partirei con una breve analisi delle stagioni precedenti: ho assolutamente adorato le prime tre stagioni (la terza è in assoluto la mia preferita) mentre ho a malapena sopportato la quarta. Trovo che in quella stagione abbiano gestito male i nuovi personaggi, creandoli come brutte copie dei vecchi e scrivendo una sceneggiatura povera dal punto di vista di contenuti e per molti versi illogica. Detto questo, la quinta stagione mi è sembrata migliore rispetto alla quarta ma comunque inferiore rispetto alla qualità delle prime tre, per diversi motivi di cui parlerò tra poco.

Credo che il modo migliore per fare il resoconto di Glee 5 sia analizzare personaggio per personaggio (ovviamente solo quelli principali, o l’articolo sarebbe chilometrico), partendo dalla leading lady, Rachel Berry (Lea Michele). Per la prima metà della stagione vediamo Rachel che deve in qualche modo affrontare la morte di Finn e ritrovare il proprio equilibrio, e fin qui ho trovato il suo personaggio molto ben scritto. Ma a partire dalla seconda metà, ogni episodio è stato strutturato nello stesso modo: inizia con lei che si comporta in modo immaturo e termina con il suo pentimento e le sue scuse verso chi ha ferito. Oltre a questo, ciò che in assoluto non ho sopportato è come per quattro stagioni abbiano parlato dei suoi sogni (frequentare la NYADA e recitare a Broadway), di come nella quarta e nella quinta tutto ciò si sia finalmente avverato, fino a quando lei non decide di rinunciare a tutto per partecipare a una serie tv della Fox senza certezza di successo. Ma stiamo scherzando? Lasciare la NYADA e Broadway sono state le scelte più infantili e immature commesse dal suo personaggio nell’arco di cinque stagioni.

Cambiando personaggio, parliamo di Blaine Anderson (Darren Criss). L’ormai futuro sposo di Kurt vive ora a New York, studia alla NYADA e sembra completamente diverso dal Blaine della seconda stagione. Infantile, immaturo e pieno di insicurezze, ha poco a che vedere con il comportamento da lui tenuto quando faceva parte dei Warblers. Stesso discorso anche qui, ogni episodio dalla seconda metà della quinta stagione ha iniziato a seguire lo stesso ritmo: Blaine si comporta in modo immaturo, litiga con Kurt, fanno pace a fine puntata.
Restiamo in tema parlando di Kurt Hummel (Chris Colfer), di cui invece mi è piaciuta moltissimo l’evoluzione come personaggio: da gay represso a grande studente/lavoratore/fidanzato/performer. C’è poco di Kurt che non mi è piaciuto in quest’ultima stagione, anzi, ho apprezzato come sia diventato più forte, coraggioso e sicuro di se stesso e del suo essere.

Santana Lopez (Naya Rivera) continua invece il suo percorso a New York, anche lei alla ricerca di se stessa e delle sue aspirazioni. Aspirazioni che pare scoprire quando si presenta come sostituta di Rachel in Funny Girl, scatenando l’ira dell’amica. Questo è stato, a mio parere, ben congeniato e molto utile per sviluppare ulteriormente il personaggio di Santana; ciò che invece non è stato ben congeniato è stata la rottura improvvisa con Dani (Demi Lovato), il ritorno tra le braccia di Brittany (Heather Morris) e la loro vacanza a Lesbo durata mesi (molto realistico!).
Il personaggio di Sam Evans (Chord Overstreet) è invece arrivato a New York dopo il diploma, ha realizzato il suo sogno di apparire seminudo su una pubblicità sul lato di un autobus e ha poi capito che le sue aspirazioni erano altre, decidendo di tornare a Lima. Ho trovato che abbia subito una grande crescita, e mi è piaciuto molto di più rispetto alle serie precedenti, soprattutto per il suo atteggiamento nei confronti della storia d’amore con Mercedes (Amber Riley). A proposito di Mercedes, in questa serie è sbocciata. Era sempre stata considerata inferiore, rifiutata da case discografiche o spinta a mostrarsi diversa da ciò che è, e invece in questa stagione registra il suo primo album, va in tournée e ricomincia a frequentare Sam, la sua vecchia fiamma.
L’unico personaggio di cui non ho capito le ragioni del cambiamento è stato Artie (Kevin McHale); dalla prima serie è stato un ragazzo dolce, fedele e amorevole; poi nella quinta molla la sua ragazza per intrattenere storie con tre ragazze diverse contemporaneamente e prendendosi la clamidia, una malattia sessualmente trasmissibile. Dal mio punto di vista, un Artie irriconoscibile e completamente cambiato.

Per quanto riguarda le new entry, che più di tanto new entry non sono, la loro storyline è stata completamente buttata al vento. Alla fine della quarta, Ryder (Blake Jenner) afferma che lascerà il club dopo l’ultima gara. Ma ovviamente, all’inizio della quinta, lui fa ancora parte del gruppo e non viene mai nominato il suo litigio con Unique (Alex Newell). Mi è abbastanza piaciuta la decisione di troncare la relazione tra Marley (Melissa Benoist) e Jake (Jacob Artist), chiaramente incapace di resistere ad ogni tipo di tentazione, e avrei visto bene una futura coppia Marley –Ryder. Probabilmente l’unica new entry di cui ho apprezzato la storyline è stata la cheerleader Kitty (Becca Tobin).
Parlando invece di new entry vere e proprie, mi è piaciuta molto la sceneggiatura per Elliot (Adam Lambert) e Dani, ad esclusione della loro fine; entrambi i personaggi sono stati lasciati cadere nel vuoto e nell’oblio (come molti prima di loro), e nulla se n’è più saputo fino all’episodio scritto da Chris Colfer (grazie ancora!!).
Ho poi trovato assolutamente irreale la rottura tra Santana e Dani, lasciata cadere senza spiegazioni, come se nella vita reale una cosa del genere fosse possibile.

All’interno della stagione è stata girato il centesimo episodio, suddiviso in due parti, intitolato “100” (mamma mia, non vi sprecate con la fantasia). La puntata di per sé non è stata male, anche se mi è piaciuta di più la seconda parte, soprattutto la scena finale durante la quale il professor Schuester (Matthew Morrison) si inchina davanti all’aula vuota mentre le frasi dei suoi ragazzi risuonano dentro di lui. Quello che forse mi è piaciuto meno del centesimo episodio è stata la scelta di alcune canzoni: insomma, il vostro club chiude e voi cantate “Happy”? In questa puntata mi è invece piaciuto molto il ritorno di personaggi che erano scomparsi dalla terza-quarta serie, diventando guest star, come Quinn (Dianna Agron) e Puck (Mark Salling). A seguito di questo episodio speciale, i nuovi personaggi sono stati fatti completamente sparire, e la sceneggiatura si è concentrata solamente sui nuovi, residenti adesso a New York. Per quanto io non amassi i nuovi personaggi, magari farli comparire ogni tanto non sarebbe stata una cattiva idea, ma capisco che ciò è stato fatto per seguire i desideri della maggior parte degli spettatori.
La quinta stagione è stata per me un altalenarsi di emozioni diverse: ho visto episodi scritti molto bene e altri senza il minimo filo logico. Tra i più belli ricordo “The Quarterback”, episodio dedicato a Cory Monteith, “Opening Night”, durante il quale Rachel debutta a Broadway, “New Directions”, la seconda parte del centesimo episodio e “Old Dog, New Tricks”, puntata scritta da Chris Colfer. Tra gli episodi peggiori mi sento di inserire quelli senza un significato apparente, senza un messaggio da trasmettere: “The End Of Twerk”, “Puppet Master” (a mio parere, l’episodio peggiore di tutta la stagione) e “Previously Unaired Christmas”.
In generale ho però trovato molto commovente come la presenza di Cory sia stata presente in moltissimi episodi e non solamente in quello a lui dedicato. Da questo punto di vista, complimenti.

Per chiunque non ne fosse al corrente, Glee riprenderà con la sesta e ultima stagione dal 2015, probabilmente da Gennaio, con tredici episodi. Ho scelto di non parlare in alcun modo degli spoiler che stanno uscendo in questi giorni perché sono del parere che, fino a quando non si vedano effettivamente le puntate e gli avvenimenti al loro interno, sia inutile parlare di cose di cui non si ha ancora la certezza assoluta. Se foste invece interessati a leggerli, moltissime pagine e blog li pubblicano costantemente, e potete quindi trovarli con molta facilità.
Alla prossima!

IMG_3128.PNG

Annunci

Glee 5×20 “The Untitled Rachel Berry Project”

Avviso a tutti i lettori: questo articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione

L’ultimo episodio di questa stagione si apre con nuovi progetti per i protagonisti newyorkesi: Mercedes sta per partire con il suo tour, Sam sta lanciando la sua carriera come modello, Blaine organizza il suo show con June Dolloway e Rachel deve lavorare alla sceneggiatura della serie tv della Fox basata sulla sua vita.

La puntata si apre con l’arrivo di Brittany a New York, di ritorno dopo tanto tempo dall’isola di Lesbo e senza sapere dove si trovi Santana (ovviamente!). La ragazza, ottima ballerina, si esibisce insieme a Mercedes durante un concerto promozionale della cantante in un centro commerciale, sulle note di “Shakin’ My Head”, canzone originale di Glee. Dato l’enorme successo ottenuto dalla voce di Mercedes e dalle movenze di Brittany, la bionda ballerina partirà in tour con la sua amica.
Il ragazzo di Mercedes, Sam, si trova intanto a fare un photoshoot insieme a moltissime modelle sexy in bikini. Cantando “Girls On Film” dei Duran Duran, il modello si trova costretto a ballare in mezzo a quei corpi suadenti, cercando di resistere alla tentazione. Il fatto che Mercedes voglia aspettare il matrimonio prima di avere rapporti sessuali lo spinge ad emanare ancora più sensualità. La direttrice del photoshoot lo nota, chiede di essere lasciata sola con lui, e, dopo pochi scatti, lo bacia.
Sam torna a casa pentito, confessa a Mercedes del bacio e di come lui sia scoppiato a piangere subito dopo. La ragazza si sente in colpa, crede che il suo comportamento sia ingiusto nei confronti del ragazzo, e confessa che, molto probabilmente, non sarà pronta prima dei trent’anni.

Intanto Blaine sta provando la sua esibizione con June, poche ore prima dello spettacolo. La donna aveva rifiutato seccamente di inserire anche una canzone per Kurt nello show, ma Blaine, non sentendosela di spezzare il cuore al suo fidanzato, continua a portare avanti la bugia che Kurt avrebbe cantato un pezzo. Sentendosi immensamente in colpa nei suoi confronti, canta in una stanza vuota “All Of Me” di John Legend, fino a che Kurt entra e Blaine dice tutta la verità; il ragazzo è furioso per la bugia da lui detta, e afferma di non potersi più fidare più di lui. Poco dopo, però, i due si ritrovano e Kurt dice che, nonostante la rabbia momentanea, ha capito che il suo scopo non era ferirlo, ma proteggerlo da una delusione amara.

Una volta fatta la pace, è ora dello show di Blaine e June, che si esibiscono sulle note di “No Time At All” dal musical Pippin, facendo sorridere tutto il pubblico. Una volta terminato il loro numero, Blaine sale sul palco, e, andando contro il volere della donna, invita Kurt a duettare con lui. I due ragazzi cantano sulla ritmata “American Boy” di Estelle, esibizione che convince June del grande talento di Kurt, portando Blaine a ricevere elogi per il suo coraggio.

Il terzo e ultimo progetto vede Rachel, contattata dalla Fox per la creazione della serie tv basata su di lei. A casa loro arriva una sceneggiatrice del canale, il cui compito è osservare la vita di Rachel e dei suoi amici e di scrivere un copione di base da presentare alla Fox. La donna si mostra da subito stramba e svampita, arrivando a scrivere una commedia che ha poco a che fare con la vita della ragazza, e che esclude del tutto la sua passione per la musica.
Rachel capisce che preferisce non partecipare affatto piuttosto che riportare un’immagine falsa di lei, e tenta il tutto per tutto cantando “Glitter In The Air” di Pink di fronte alla sceneggiatrice; la donna dice di essersi sentita per la prima volta felice, e che darà una possibilità anche al copione proposto da Rachel, che si dimostra essere fantastico.

Sam realizza finalmente il suo sogno, finire quasi nudo sulla pubblicità laterale di un autobus, e si sente finalmente pronto a lasciare New York e a tornare nel posto che ama di più: Lima. Tutti quanti si ritrovano sul marciapiede a parlare di come l’anno sia trascorso velocemente e di come la perdita di Finn abbia influito sulle loro vite. Necessitando di una canzone su cui esibirsi, tutti quanti ballano e cantano per le strade di New York sulle note di “Pompeii” dei Bastille, eseguita in modo davvero emozionante.
Tra un verso e l’altro, vediamo poi Sam che, tornato a Lima, nel suo vecchio liceo, passa di fronte alla ex aula canto, ormai trasformata in un’aula computer, e riempie tutti gli spettatori di ricordi e nostalgia.
La canzone termina con lo squillo del cellulare di Rachel: il canale le ha confermato che il suo copione è stato approvato: la ragazza andrà a Los Angeles a girare la sua serie tv!

Personalmente, la puntata mi è piaciuta davvero molto, anche se non l’ho apprezzata particolarmente come finale di stagione. Ho adorato la scena di Sam di fronte alla vecchia aula canto, anche se trovo che un paio di flashback sarebbero stati azzeccati. Non mi è invece piaciuto, come ho già detto nello scorso articolo, il modo in cui abbiano fatto “saltare” Rachel da un progetto all’altro, e di come abbiano escluso Santana (Naya Rivera) dall’episodio per un litigio con i produttori. Sono sicura che, con lei, il finale avrebbe avuto una marcia in più.
Mi ha deluso il fatto che, a parte la nuova serie di Rachel e il tour di Mercedes, non abbiano lasciato niente di sconvolgente in sospeso; trovo infatti che sia necessario un “cliffhanger”, qualcosa che incuriosisca talmente tanto da quasi costringere gli spettatori a guardare la stagione successiva. Beh, trovo che questo non ci sia stato. Approfitto inoltre per comunicare, a chi ancora non lo sapesse, che la sesta (e ultima) stagione di Glee non inizierà come sempre a settembre di quest’anno, ma dall’inizio del 2015, decisione presa dalla Fox a causa del calo di ascolti. Non si sa invece ancora con esattezza da quanti episodi sarà composta, si sa solo che non ci sarà alcuno hiatus a frammentarla.

La mia performance preferita è stata in assoluto “Pompeii”, che potete rivedere al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=fNKConh-IwU
Le recensioni di Glee riprenderanno quindi dal prossimo anno, mentre dalla prossima settimana ricominceranno le review di Audible, di libri e una nuova serie che sarà pubblicata alla fine di ogni mese con un mini-articolo extra.

Alla prossima!

Glee 5×19 “Old Dog, New Tricks”

Avviso a tutti i lettori: questo articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione.

Rullo di tamburi. Il penultimo e attesissimo episodio di questa stagione è stato scritto nientemeno che dal grandioso Chris Colfer, che interpreta Kurt all’interno della serie. Le aspettative di tutti i fan erano oltre l’immaginabile, saranno state soddisfatte o no? Troverete i miei pareri dopo la presentazione della trama.

La puntata si apre con una Rachel preoccupatissima dal fatto che diversi blog abbiano commentato negativamente il suo comportamento nel fingersi malata per sostenere un provino per la Fox, e che questo possa influire molto sulla sua immagine. Santana propone allora di diventare la sua addetta alle Pubbliche Relazioni, e di occuparsi di tutto ciò che riguarda la sua immagine, tramite Twitter, blog e contattando i giornalisti. Rachel capisce che ciò che le serve è una buona causa con cui fare colpo, e la trova al canile. Lei e i suoi amici si recano infatti al canile di New York, dove si aggirano tra le gabbie, coccolando e giocando con i cani. Mentre Rachel si convince di aver trovato la causa da perorare, un’associazione che sostiene i cani abbandonati chiamata (ironicamente e non) “Broadway Bitches”, Sam tenta di convincere Mercedes ad adottare un cagnolino per il loro appartamento, ma la risposta della ragazza è un secco “no”, dal momento che è convinta che il suo fidanzato non sarebbe in grado di prendersene cura.
La scena si conclude con tutti i cani che escono dalle gabbie per la loro passeggiata, e i ragazzi che ballano e cantano in mezzo a loro, sulle note di “I Melt With You” dei Modern English.

Rachel e Santana, trovata così la causa su cui lavorare, iniziano ad organizzare un evento in cui loro e Mercedes si esibiranno; venuto a sapere dell’occasione, Kurt chiede il permesso di partecipare con una canzone, ma l’occasione gli viene negata. Nel tentativo di far pubblicità alla “Broadway Bitches”, Rachel si mostra davanti ai giornalisti a passeggio con tantissimi cani al guinzaglio, che però, attratti dal cibo, la trascinano nel fango davanti agli obbiettivi dei paparazzi.
Intanto Kurt, giù di morale al ristorante, viene avvicinato da una vecchina di nome Maggie, vecchia stella di Broadway, che chiede di appendere nel locale la locandina del musical di Peter Pan che si terrà alla casa di riposo dove lei risiede. Dopo un paio di chiacchiere, la vecchina propone a Kurt di assistere alle prove del musical, e dopo un momento di incertezza, il ragazzo accetta l’offerta. Arrivato alla casa di riposo, si scopre però che la donna anziana che doveva fare Peter è morta; Kurt coglie subito l’occasione, offrendosi di prendere il suo posto. Gli anziani della casa di riposo gli chiedono di esibirsi per dare prova del suo talento, cosa che fa senza esitazione, cantando “Memory” dal musical Cats insieme a Maggie. La performance ha successo, lui ottiene la parte: sarà Peter Pan.

Eccitato dalla notizia, va subito a comunicare a Rachel che lo show sarà il lunedì pomeriggio seguente, ma la ragazza si rifiuta di essere tra il pubblico, dal momento che dovrà prepararsi per il suo evento. Kurt resta deluso dall’amica, l’accusa di essere egoista e di considerarlo suo amico solo quando ha bisogno di un favore. Nel frattempo, Sam ha disobbedito a Mercedes e ha adottato comunque un cagnolino, che però non ha fatto altro che distruggere mobili, divani, fogli, scarpe e vestiti. Una volta che la ragazza scopre il disastro, obbliga Sam a riportarlo al canile.
Testardo, il ragazzo si mette in testa di addestrarlo, e lui e Artie portano il cucciolo ad un campo di addestramento, dove gli insegnano alcune acrobazie sulle note di “Werewolves of London” di Warren Zevon. Sam, fierissimo del lavoro svolto, lo riporta a casa, dove Mercedes si dimostra fiera di ciò che ha fatto, ma ancora ferma sulla sua decisione: il cane deve andare via, con i loro orari e con il suo tour sarà impossibile prendersene cura. Se non lo vogliono riportare al canile, saranno costretti a trovargli un’altra casa.

Kurt nel frattempo stringe amicizia con gli anziani della casa di riposo, dove viene a sapere che la figlia di Maggie non le fa visita da tantissimo tempo; va così a trovarla, convincendola a venire allo spettacolo. Il giorno dello show, Kurt vede tra il pubblico tutti i suoi amici; Rachel si è ricreduta e ha capito quanta importanza abbia tutto questo per il suo amico. Lo spettacolo inizia con Kurt nelle vesti di Peter Pan coperto di foglie; lui e tutti gli anziani cantano “Lucky Star” di Madonna, mentre Kurt vola letteralmente da una parte all’altra della stanza sostenuto dai cavi di un’imbracatura.
Al termine dell’esibizione, Rachel si scusa formalmente con l’amico, invitando lui e tutti gli anziani al suo evento, che si terrà al locale dove lavorano Santana e Kurt. Tutti quanti si esibiscono cantando sulle note di “Take Me Home Tonight” di Eddie Money, ballando nel locale tenendo i cagnolini in braccio e lasciandoli quando qualcuno chiede di adottarne uno. Sam balla tenendo in braccio il suo cucciolo, fino a quando una vecchina non glielo chiede, e lui è costretto a darglielo, consolato da Mercedes.
Al termine dell’evento, una giornalista si congratula con Rachel, che dà a Kurt tutti i meriti per l’ottima riuscita dell’iniziativa.

Personalmente, ho adorato questo episodio e non mi dispiacerebbe per niente se Chris si cimentasse come sceneggiatore anche durante la sesta stagione. Ho trovato splendido il modo in cui, per una volta, è stata lasciata da parte la situazione sentimentale (e litigiosa) tra Kurt e Blaine, e ci si sia concentrati invece sulle emozioni di Kurt. Bellissima inoltre l’idea di coinvolgere i cagnolini nell’episodio.
Ultima cosa che mi ha fatto davvero amare Chris: sarà una cavolata, ma non mi è piaciuto come nelle scorse puntate non abbiano mai spiegato la scomparsa di Elliot (Adam Lambert) e Dani (Demi Lovato); Chris è stato invece in grado di fornire una spiegazione al momento di pausa della loro band. Grazie!

La mia performance preferita è stata sicuramente “Lucky Star”, che potete rivedere al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=olA7iTULFJc
Potete invece vedere il promo della prossima (ed ultima puntata) “The Untitled Rachel Berry Project”, cliccando qui: https://www.youtube.com/watch?v=8T_Mrekr1pY

Alla prossima!

Glee 5×18 “The Back-Up Plan”

Avviso a tutti i lettori: questo articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione.

Dopo il grande successo con la prima di Funny Girl, Rachel si trova adesso ad essere acclamatissima da pubblico e stampa, dopo tre settimane dalla grande serata. Lo show va in scena con otto spettacoli a settimana, e la ragazza si trova finalmente a vivere il suo sogno. Dopo un altro spettacolo, un produttore della Fox va a trovarla in camerino, proponendole di sostenere un provino per una nuova serie televisiva, “La canzone di Salomone”. Il provino si terrà a Los Angeles il martedì successivo, ma la ragazza è impossibilitata a partecipare, dal momento che ha uno spettacolo tutte le sere. Prima di prendere decisioni affrettate, chiede al suo produttore di ridurre gli spettacoli, togliendone uno dalla settimana, per evitare di ammalarsi. Tutto ciò che riceve però in risposta è un imperterrito “no”; delusa da ciò e dalla routine dello show di Broadway, la ragazza canta “Wake Me Up”, mostrando ogni sua azione ripetuta all’infinito, spettacolo dopo spettacolo.

Trovandosi senza alternative, Rachel finge allora di essere malata, e chiede al produttore di Funny Girl di mandare in scena la sua sostituta. Senza preoccuparsi della sua bugia, vola fino a Los Angeles dove si esibisce al suo provino sulle note di “The Rose”. Al termine della canzone, però, le viene spiegato che la serie tv non ha niente a che vedere con la musica, ma con la fantascienza, e le viene chiesto di interpretare un pezzo del copione assieme al protagonista, Salomone. Il copione non fa per lei, che lo recita a fatica, e la scena deve terminare con un bacio tra i due personaggi, bacio inaspettato che lascia Rachel sconvolta e pietrificata. Decisa a lasciar perdere il progetto di quel telefilm, esce dall’edificio e riceve una telefonata dal suo produttore, che la informa preoccupato del fatto che la sua sostituta si è fatta male durante le prove e non potrà andare in scena; Rachel si trova così davanti a un ordine: dovrà presentarsi a teatro alle 19.30 o sarà licenziata. La ragazza si affretta a dirigersi verso l’aeroporto per prendere il volo delle 10, ma il suo taxi resta imbottigliato nel traffico; Rachel chiama immediatamente Kurt chiedendo aiuto disperatamente, e insieme a Santana riescono a trovare una soluzione. Il fatto che Santana avesse studiato tempo prima per fare la sostituta di Rachel non si rivela infatti uno svantaggio, anzi, perché si esibirà al suo posto fino a quando la star di Broadway non arriverà per il secondo tempo.

Una volta terminato lo show, Rachel decide di confessare la verità ai produttori, e viene convocata d’urgenza. Le viene detto che non sarà licenziata, dal momento che lei è necessaria per l’ottimo andamento dello show, ma che se dovesse ancora mentire verrà cacciata e le sarà fatta causa per violazione di contratto. Distrutta e umiliata, Rachel abbandona l’ufficio e riceve un’altra chiamata dal produttore della Fox, che le rivela, ovviamente, che il suo provino è andato male, ma che lei è piaciuta talmente tanto alla produzione che si è deciso di creare una serie tv interamente basata sulla sua vita, e che verrà presto convocata un’altra riunione.

Alla NYADA vediamo invece Blaine e Kurt che si preparano per un evento emozionante; una delle aule dell’università verrà dedicata a June Dolloway, che assisterà personalmente all’inaugurazione. Per l’occasione, gli studenti migliori della scuola si esibiranno, e i due ragazzi hanno ottenuto di duettare sulle note di “Story Of My Life”.
Durante l’evento, cantano di fronte alla donna, che si mostra interessata alle loro doti canore. Al termine dell’esibizione, June si avvicina a Blaine, confessandogli di aver visto in lui il talento di un diamante grezzo che lei è disposta a mettere in luce per brillare. Kurt porta un po’ di rancore alla donna per non aver riconosciuto il suo talento, ma è contento che il fidanzato sia stato apprezzato.
Blaine viene così invitato a partecipare a un evento pieno di gente ricca e famosa, durante il quale si esibisce con June in “Piece Of My Heart”. Durante una delle loro tante chiacchierate, June dice a Blaine di essere intenzionata a mostrare a tutti il suo talento, in uno speciale show di una serata che sarà da lei organizzato. Purtroppo però, la richiesta di Blaine di includere Kurt nello show viene bruscamente rifiutata.

L’ultima parte della puntata mostra Mercedes nello studio di registrazione insieme a Santana, alla ricerca dell’ispirazione per incidere il suo primo singolo. La cantante è intenzionata a cercare nuovi suoni e una nuova acustica, e per questo scende con l’amica nel seminterrato, dove cantano un brano rap, “Doo Wop (That Thing)”, trovando finalmente il giusto sound e decidendo di registrare l’album lì sotto.
Mercedes prende poi un’altra decisione, quella di far sì che il suo singolo sia un duetto tra lei e Santana; la proposta viene scoraggiata dai produttori, dal momento che Santana è sconosciuta nel mondo musicale e, per lanciare la carriera di Mercedes, sarebbe necessario un primo duetto con una grande star. La ragazza non si dà però per vinta, invitando comunque l’amica a registrare un duetto insieme a lei.

Personalmente, ho trovato adorabile il discorso di Santana a Rachel dopo averle salvato la faccia esibendosi al posto suo a Broadway, confessandole di tenere molto a lei, ma chiedendole ironicamente di non dirlo a nessuno. Non ho invece apprezzato come gli sceneggiatori facciano sembrare Rachel una ragazzina ambiziosa che non si accontenta mai. Insomma, prima desiderava entrare alla NYADA con tutta se stessa e poi l’abbandona per testardaggine; poi ottiene il ruolo di Fanny Brice, ruolo desiderato per tutta la vita, e si dimostra disposta a rischiare di essere licenziata per partecipare a un provino per la Fox. Stanno creando, a parer mio, una Rachel incontentabile.
Inoltre, ma su questo non c’erano dubbi, abbiamo visto Santana indossare l’uniforme del locale in cui lavora, ma ovviamente non abbiamo ottenuto alcun tipo di riferimento sul fatto che lavori ancora con l’ex-fidanzata Dani o sulla lunghissima vacanza assieme a Brittany. Ovviamente.

Per questo episodio, la mia performance preferita è senza dubbio “Story Of My Life”, eseguita da Kurt e Blaine, che potete rivedere a questo link: http://www.youtube.com/watch?v=9wHonAkXfuQ
Potete invece vedere il promo della prossima puntata, “Old Dog, New Tricks”, cliccando qui: http://www.youtube.com/watch?v=FgLpgCLTCTo
Il prossimo episodio sarà scritto da Chris Colfer, che interpreta Kurt.

Alla prossima!

Glee 5×17 “Opening Night”

Avviso a tutti i lettori: questo articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione.

Dopo quasi un anno di attesa, il momento è finalmente arrivato: Rachel Berry debutta a Broadway, con la rivisitazione del musical del 1964 “Funny Girl”, originariamente interpretato da Barbra Streisand.
L’episodio si apre con un terribile incubo di Rachel, durante la quale la ragazza si vede con addosso i vestiti che indossava al liceo, mentre amici e ex-compagni criticano il suo modo di recitare, la sua voce e il suo corpo. La ragazza si sveglia terrorizzata, convinta che tutto lo show andrà male a causa di tutte le recensioni negative pubblicate su Internet. Kurt le sequestra il cellulare, vietandole di cercare ulteriori commenti negativi su di lei. Incurante del divieto impostole, Rachel naviga su internet di notte dal portatile di Kurt, leggendo ogni possibile critica al suo aspetto fisico e al suo talento.

Sconvolta e distrutta da ciò che ha letto, decide di non alzarsi dal letto e di non andare in scena, preoccupando enormemente gli amici; iniziano perciò tutti a darle un enorme sostegno, portandole regali, cantando per lei e facendole complimenti. Per tutta risposta, Rachel taglia le corde della chitarra di Sam, urla contro Kurt e lancia fuori dalla stanza i regali ricevuti. Spaventati dal suo insolito comportamento, i ragazzi decidono di chiedere aiuto a Santana, che torna appositamente a New York per l’occasione (ovviamente senza accennare al fatto di essere stata via per mesi). La ragazza dice a Rachel che, se c’è una cosa che lei sa fare senza nessuno sforzo è salire sul palco e stupire tutti con il suo talento. Convinta dalle parole di conforto dell’amica, la giovane star si rialza carica di fiducia ed energia.

Nel frattempo, a Lima, il professor Schuester sta per partire per New York per assistere alla prima di Rachel; Emma non può accompagnarlo perché la gravidanza è quasi al termine, e lui si ritrova così con un biglietto in più, che tenta di offrire a Sue. La donna non ha mai visitato la Grande Mela, e così accetta l’invito, costretta però a promettere a Will di andare a vedere Funny Girl insieme a lui. Giunti a New York, i due si esibiscono sulle note di “NYC”, cantando tutto il loro amore e apprezzamento per la grande metropoli.
Poco prima dell’inizio dello show, Will si reca nel camerino di Rachel per augurarle buona fortuna, e la ragazza confessa imbarazzata di aver riservato un posto in prima fila per Finn, dal momento che lui le aveva sempre promesso che ci sarebbe stato al suo grande debutto a Broadway.
Improvvisamente, suona il cellulare di Will: Emma sta per partorire e lui è costretto a raggiungerla.

Rachel scende le scale che portano dal camerino al palco, si piazza al centro e attende che si aprano le quinte. Una volta trovatasi davanti al numerosissimo pubblico, attacca a cantare sulle note di “I’m The Greatest Star”, una performance eseguita splendidamente, che ottiene moltissimo successo di pubblico. Lo spettacolo è iniziato da poco, ma Sue, annoiata, decide di lasciare il teatro. Insieme a lei se ne sta andando anche un altro uomo, e insieme scoprono di essere stanchi dello show e di aver voglia di qualcos’altro. Lui la invita così nel suo ristorante italiano, per una cena alla “Lilli e il Vagabondo”.
A teatro, intanto, il primo atto è terminato, e Rachel torna in camerino in attesa del secondo. Il suo produttore la raggiunge, facendole i complimenti e ricordandole che la chiusura dello show dovrà essere spettacolare proprio come l’inizio. Infatti tra il pubblico è presente un critico del New York Times, e il loro show potrà ancora andare in scena solo se la sua recensione sarà positiva; altrimenti, tutto sarà finito.
Piena di ansie e sotto pressione, Rachel sale sul palco per la conclusione dello show, esibendosi sulle note di “Who Are You Now”. Prima di andare in scena, la ragazza aveva confessato all’insegnante come quella canzone le ricordasse Finn, e di come lei si sentisse preoccupata di non riuscire a cantarla al meglio. Guardando invece il posto vuoto che aveva riservato per lui, la ragazza riesce a trovare le giuste emozioni per la canzone, guardando verso il cielo e ricordandolo, commuovendosi e trasmettendo emozioni uniche. Poco prima del finale della canzone, flashback di Finn che, alla vista di Rachel, sorride con un’espressione unica, carica di felicità e amore.
L’unica cosa che non ho apprezzato di questa canzone è il fatto che, contemporaneamente a Rachel sul palco, anche Sue cantasse, al ristorante italiano insieme all’uomo che l’ha così rapidamente attratta. Niente da dire sull’esibizione, ma per la portata e il significato di quella canzone, avrei apprezzato maggiormente se fosse stata solo Rachel a cantarla.

Una volta terminato lo spettacolo, tra scrosci di applausi, bisogna aspettare sei ore prima che il New York Times pubblichi la review. Nell’attesa, Rachel e tutti i suoi amici si recano ad un club gay dove tutti la riconoscono e le chiedono notizie della prima. Felicissima del suo successo, la ragazza si esibisce assieme a tutti gli altri sulle note di “Pumpin’ Blood”, con tanto di movenze sensuali soprattutto da parte di Rachel e Santana.
Una volta tornati nel loro appartamento, i ragazzi trovano Sue e il suo uomo, che confessano di aver fatto sesso ovunque in quella casa; Rachel affronta Sue e le fa un discorso carico di rabbia, parole tenute dentro dopo anni e anni di critiche e prese in giro. Sue se ne va, lasciando New York e il suo nuovo interesse, consapevole che tra loro due non potrà mai esserci nulla di più.

La mattina dopo, esce il New York Times e tutti quanti si recano all’edicola per leggere la recensione; ognuno di loro ne legge un pezzo ad alta voce, confermando quello che ha scritto il critico: lo spettacolo è stato apprezzato pienamente, in particolare l’esibizione finale, e il giornalista si dice sicuro di voler tornare a vedere Rachel sul palco nei panni di Fanny Brice. Dopo pochi secondi, squilla il cellulare di Rachel: è Will che dice che Emma ha partorito; è un maschietto, e hanno deciso di chiamarlo Daniel Finn Schuester.

Personalmente, ho adorato questo episodio, forse anche perché ha ruotato quasi interamente intorno a Rachel, il mio personaggio preferito. L’unica cosa che ho trovato un po’ fuori luogo è stato l’interesse amoroso di Sue, soprattutto per come le cose siano state un po’ lasciate in sospeso. Per quanto riguarda il resto, però, tutto è stato splendido proprio come me lo aspettavo.
La mia performance preferita è stata, ovviamente, “Who Are You Now”, carica di emozioni e sentimenti. Se questa canzone non fosse stata scritta 50 anni fa, direi che è stata composta appositamente per Lea Michele, dal momento che mette in versi e musica tutte le sue emozioni. Potete ammirarla di nuovo al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=wif9qgFhY7U
Potete invece vedere il promo della prossima puntata, “Back-Up Plan”, cliccando qui: https://www.youtube.com/watch?v=5B6cUDqFJ6U

Alla prossima!

Glee 5×16 “Tested”

Avviso a tutti i lettori: l’articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione.

L’episodio di questa settimana ha come tema principale l’essere testati: in questo caso si tratta prima di una relazione, poi di un test per una malattia e infine di una nuovissima e sconosciuta esperienza.

Prima di tutto, troviamo Blaine in preda allo stress newyorkese: preso dal nuovo ambiente e dalla stressante vita da universitario, inizia a provare nuovi cibi e ad abbuffarsi di alimenti pieni di grassi, fino a che si accorge di aver esagerato, quando i suoi pantaloni preferiti non si abbottonano più. Inizia così a vedere Kurt con altri occhi; il suo ragazzo, infatti, dopo l’incidente dello scorso episodio, ha iniziato a interessarsi al fitness e alla corretta alimentazione, sviluppando un fisico invidiabile. Che differenza dal Kurt della prima stagione! Un magnifico Chris Colfer senza maglietta e con tanto di fantastici muscoli.

Blaine si sente continuamente sotto esame, come se per lui fosse una gara e Kurt fosse impossibile da raggiungere, e inizia a sfidarlo. Prima tenta senza successo di farlo ingrassare, poi lo sfida a lezione di combattimento sulle note di “Love Is A Battlefield”. Kurt è furioso, ha infatti scoperto che Blaine naviga su un sito chiamato universitarimuscolosi.com; dopo una delle loro solite litigate, Blaine confida al ragazzo che ultimamente non hanno più avuto rapporti sessuali perché si vergogna del suo corpo, e non si sente più a suo agio. Kurt si propone di aiutarlo a tornare in forma, chiedendogli di parlargliene se il problema legato alla bassa autostima dovesse ricapitare.

La seconda vicenda che prevede un test riguarda Artie. Il ragazzo, infatti, reduce dalla rottura con Kitty (ehm… quando sarebbe avvenuta esattamente?), inizia a frequentare due ragazze allo stesso tempo, andando a letto con entrambe senza mai usare il preservativo. Un Artie Casanova si esibisce sulle note di “Addicted to Love”, anche se in tutta quella faccenda, di “amore” ne ho trovato ben poco. Una volta sottopostosi al test per la clamidia per accertarsi di non aver problemi, gli viene invece rivelato di essere positivo alla malattia sessualmente trasmissibile, che si può evitare con l’utilizzo del profilattico. Unica soluzione: antibiotici e qualche giorno di astinenza dall’attività sessuale.

Dopo aver dato la sconvolgente notizia ai suoi amici, ad Artie non resta altro che confessarlo alle due ragazze con cui esce: la prima si dimostra schifata, la seconda completamente indifferente.
Nel frattempo, Artie ha iniziato a frequentare una terza ragazza, Julie, con cui lavora a un progetto per il college, e con cui ha sempre desiderato di uscire. Al loro primo appuntamento, pieno di imbarazzo, Artie le chiede se per lei sarebbe un problema astenersi dal sesso per una decina di giorni. Sconvolta dal fatto che il ragazzo già pensi di portarla a letto, la ragazza accetta comunque, sbalordita dall’insolita richiesta. Oppresso dal fatto che non abbia detto a Julie tutta la verità, la cerca il giorno seguente e le confessa di avere la clamidia e di non sapere da chi l’abbia presa. Schifata dal comportamento di Artie, la ragazza lascia intendere che per loro due non ci saranno mai speranze.

Veniamo poi a Sam e Mercedes; mentre si stanno baciando appassionatamente sul loro divano, Mercedes decide di confidare al ragazzo di essere ancora vergine, e di non essere ancora pronta per avere rapporti sessuali. Sam si dimostra comprensivo, pur facendo di tutto per trasmetterle sicurezza. Durante una funzione in chiesa a cui Sam viene invitato, Mercedes canta “I Wanna Know What Love Is”, performance molto ben eseguita. La ragazza si reca poi da Rachel, a cui chiede come è stata la sua prima volta e confidandole di non sentirsi per niente pronta. Rachel le racconta che la sua prima volta è stata speciale, perché entrambi si amavano, e che nessuno è mai pronto al 100%, ma che quando si sta bene con una persona si vuole che quel momento resti per sempre, e allora accade.

Mercedes torna allora in chiesa per pregare, arrivando a prendere una decisione definitiva, che rivela a Sam: aspetterà fino al matrimonio. Sulle prime, il ragazzo la prende male, affermando di averne bisogno e di non poter aspettare così a lungo. Ferita, la ragazza se ne va, ma al suo ritorno a casa trova l’appartamento letteralmente sommerso di candele, e un romanticissimo Sam che le dice che è disposto ad aspettarla per tutto il tempo necessario. “Posso vivere senza sesso, ma non posso vivere senza te”.

Durante un’ultima chiacchierata tra Mercedes e Rachel, l’argomento si sposta sugli interessi amorosi di Rachel. La ragazza chiede infatti all’amica se ci sia un ragazzo a cui lei sia al momento interessata; Rachel risponde dicendo che al momento le sembra ancora troppo presto e che non è ancora pronta, ma sa che succederà prima o poi. Dice che Finn l’amava solo per come lei era se stessa, e di come lei voglia trovare qualcuno che la accetti allo stesso modo.

Per finire, apro una parentesi che non riguarda l’episodio di per sé, ma la promozione di Glee. Per chi infatti, come me, segue le vicende del cast su Twitter, non sarà una novità sapere che Ryan Murphy, produttore, ha pubblicizzato la quinta serie in modo veramente blando, con pochi tweet e poco utilizzo dei social network, a differenza di altri attori. Ci siamo perciò tutti stupiti alla notizia che questo episodio sarebbe stato commentato in diretta su Twitter durante la trasmissione in America, da Lea Michele, Chord Overstreet, Darren Criss e Ryan Murphy.
Durante il live tweeting, i quattro hanno risposto a moltissime domande dei fan, rilasciato spoiler relativi alla sesta (e ultima) stagione e parlato dell’episodio in diretta. Fantastico metodo per auto-pubblicizzarsi!
Meraviglia delle meraviglie: tutto ciò verrà riproposto anche la settimana prossima!

Per quanto riguarda la mia performance preferita, questa volta è davvero difficile scegliere; insomma, tutte le esibizioni sono state ben eseguite, ma trovo difficile selezionarne una che abbia spiccato su tutte. Se proprio dovessi scegliere, direi “I Wanna Know What Love Is” di Mercedes, che potete rivedere al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=PfEwr8Ve8eo
Potete invece vedere il promo della prossima puntata, “Opening Night”, cliccando qui: https://www.youtube.com/watch?v=eG8yPGSqS8M

Alla prossima!

Glee 5×15 “Bash”

Avviso a tutti i lettori: questo articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione.

Altro episodio interamente ambientato a New York, che si apre con una fiaccolata a cui partecipano Rachel, Kurt, Sam e Blaine, cantando sulle note di “You Are Not Alone” dal musical Into the Woods. Il corteo di gente si ritrova per le strade per pregare e sostenere un giovane ragazzo gay, vicino di casa dei protagonisti, che è stato picchiato per il suo orientamento sessuale, e che si trova adesso in ospedale in gravi condizioni. Molto bello, fin dall’inizio della puntata, l’interesse e la partecipazione di Kurt per ciò che è successo a questo ragazzo.

Si torna poi nell’appartamento di Sam e Mercedes, dove i due ricominciano a parlare della possibilità di tornare ad essere una coppia. Mercedes si dimostra da subito incerta e scettica, saltando poi addosso a Sam pochi minuti dopo. I Samcedes sono tornati. Durante una passeggiata, dopo qualche breve chiacchiera sul frequentarsi e su cosa porterà il futuro, Mercedes chiede di essere lasciata sola per pensare e riflettere in tranquillità, ritrovandosi poi a cantare “You Make Me Feel (Like A Natural Woman)”. La canzone la aiuterà a capire quali sono le sue vere intenzioni e i sentimenti che prova per Sam.

Decisa a proseguire come coppia, decide di presentare il suo ragazzo alle sue coriste, che lo trovano troppo esuberante e soprattutto inadeguato a Mercedes; le ricordano infatti che il suo album rischierebbe di fallire se si venisse a sapere che una cantante di colore esce con un bianco. Stordita e confusa, la ragazza decide di lasciarlo, dicendogli la verità sulle ragioni della sua scelta. Sam (e anche gli spettatori) si rendono conto di trovarsi davanti ad una Mercedes totalmente cambiata, disposta a ferire le persone e prendere decisioni che vanno contro i suoi sentimenti.
Pentita per ciò che ha fatto a Sam, lo invita nello studio di registrazione dove ha registrato il suo album, e canta per lui “Colorblind”. Piccola parentesi: si tratta proprio del singolo originale dell’attrice e cantante che interpreta Mercedes, Amber Riley. L’ho trovato un brano molto delicato e profondo, perfetto per la situazione a cui si riferisce nell’episodio.
Sam perdona la ragazza, e i due tornano di nuovo insieme, rendendo la cosa ufficiale a tutti i loro amici verso la fine dell’episodio.

Nel frattempo, alla NYADA è tempo di esami: Blaine e Rachel devono sostenere la loro prova individuale; per qualche motivo che non ci è dato conoscere, i due scelgono invece di esibirsi insieme in un duetto, “Broadway Baby”. Per quanto la performance sia perfetta e ben eseguita, la loro insegnante, Madame Tibideaux, non l’apprezza a pieno, criticandoli invece per non aver rispettato la richiesta di un’esibizione individuale. Concedendogli un’ultima possibilità, rimanda il loro esame ad un altro giorno: se non si presenteranno, saranno bocciati.
Per Blaine questo non comporta un problema, al contrario di Rachel; a pochi giorni dalla prima di Funny Girl a Broadway, la ragazza si trova nel bel mezzo delle prove generali dello show, ed è impossibile per lei sostenere l’esame un altro giorno. Decisa a convincere l’insegnante a spostarlo per questa emergenza, Rachel si trova davanti la stessa risposta di prima: o si presenterà o sarà bocciata. Infuriata per la poca comprensione del suo impegno nello show di Broadway, senza riflettere, la ragazza decide di lasciare definitivamente la scuola.

Successivamente, a cena con il migliore amico Kurt, Rachel si trova a discutere anche con lui. Kurt non trova sensata la sua decisione di abbandonare gli studi solo perché ha ottenuto un grande ruolo a Broadway, e per tutta risposta l’amica abbandona il ristorante, dicendogli che lui rimane alla NYADA solo perché è un posto sicuro e dove non rischia nulla. Ferito dalle parole dell’amica, Kurt esce a sua volta dal locale, e in un vicolo della città intravede due ragazzi che picchiano violentemente un terzo ragazzo, chiamandolo “frocio”. Accecato dalla rabbia, Kurt interviene correndo, riuscendo a far scappare la vittima ma rimanendo solo con gli altri due; viene così picchiato violentemente anche lui, e portato urgentemente in ospedale.
La notizia della rissa raggiunge tutti i suoi amici e Blaine, che, preoccupatissimi, lo raggiungono nel reparto in cui è ricoverato. Il dottore dice loro che non è grave, è solo scosso e ferito in diverse parti del volto.

A turno passano nella sua stanza, parlandogli mentre dorme grazie alla morfina, sperando che li possa sentire. Blaine gli si stende accanto, cantandogli che tutto andrà bene e non gli succederà mai nulla di male.
Anche il papà di Kurt gli fa visita, mostrandosi arrabbiato per il gesto sconsiderato del figlio, che ha agito senza pensare. Pur apprezzando profondamente il fatto che Kurt sia intervenuto per salvare qualcun altro, gli offre consigli in caso dovesse ricapitare, e gli chiede di non fare mai più una cosa del genere.
Non appena uscito dall’ospedale, il ragazzo, che porta ancora in faccia i segni della rissa, decide di portare due rose bianche per il ragazzo gay picchiato a cui era stata dedicata la fiaccolata all’inizio dell’episodio; ha infatti saputo che non è più in pericolo e che si rimetterà presto.

A seguire troviamo Rachel, pentita per il suo comportamento nei confronti di Kurt, che si scusa con il ragazzo. Le dispiace immensamente che l’ultimo loro discorso fosse stata una litigata, e non se lo sarebbe mai perdonata se a Kurt fosse successo qualcosa. Gli dice perciò che gli vuole bene, e che non dovrà mai dimenticarselo.
La puntata si conclude con l’esame finale di Kurt, che, mostrando ancora tagli e lividi sul volto, si esibisce davanti all’insegnante sulle note di “I’m Still Here”, mostrando a tutti la sua forza e la sua capacità di non lasciarsi mai buttare a terra.

Personalmente, trovo che questo episodio sia stato mal gestito dal punto di vista del tema scelto. Come altre volte in Glee, un argomento profondo non viene approfondito adeguatamente; avrei preferito meno scene di Sam e Mercedes e più momenti riguardanti l’aggressione e l’odio contro gli omosessuali.
Nonostante questo, non l’ho trovata una brutta puntata, anzi. Penso solo che sia stata stupida la decisione di far abbandonare la NYADA a Rachel. Si sono forse dimenticati la terza serie, quando la ragazza aveva fatto di tutto per entrare, era distrutta per non aver superato l’esame di ammissione, e come era andata fino a New York per incontrare Madame Tibideaux e chiederle una seconda occasione? Sembra quasi che la Rachel di adesso non si ricordi più quanto le è costato frequentare quel college, e che cosa significhi per lei abbandonarlo dal nulla.

La mia performance preferita per questo episodio è stata “Colorblind”, cantata da Mercedes/Amber. Credo che la canzone abbia aperto uno spiraglio di speranza nei cuori di tutti i fan di Lea Michele come me, pregando che, prima o poi, anche a Rachel verrà concesso di cantare una canzone di Lea. Potete riguardare l’esibizione al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=kcYMAUhtlEA
Potete invece vedere il promo della prossima puntata, “Tested”, cliccando qui: https://www.youtube.com/watch?v=IFLTEDVM-_8

Alla prossima!

Glee 5×14 “New New York”

Avviso a tutti i lettori: questo articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione.

Questo (a mio parere) grande episodio inaugura un nuovo Glee, interamente ambientato a New York, che vede come protagonisti quasi tutti gli originali. Abbiamo perciò Rachel, Artie, Kurt, Blaine, Sam e Mercedes e le loro vicende singole o di gruppo.
L’episodio si apre con i primi cinque sulle note di “Downtown” di Petula Clark, una delle mie canzoni preferite di sempre (e chi ha seguito Lost capirà).

Il primo personaggio da esaminare è Sam, trasferitosi nell’appartamento di Blaine e Kurt nell’attesa di trovare un posto per sè grazie al lavoro di modello. Le sue richieste di ingaggio non vengono però accolte, tutti criticano invece il suo look da “hippie capellone”. Blaine lo spinge a conquistare un po’ più di fiducia in se stesso, esibendosi con lui a Times Square sulle note di “The Best Day Of My Life”. Carico di motivazione, Sam si fa coraggio e va finalmente a tagliarsi i capelli, ottenendo un look davvero attraente.
Un mix di autostima e nuovo look lo porta effettivamente a ricevere una proposta di lavoro; tutto sembra perfetto, tranne l’appartamento dove dovrebbe stare con una ragazza che sopravvive con pastiglie e pillole. Deciso a non diventare mai così, lascia l’appartamento, rimanendo momentaneamente senza alloggio.

Rachel, intanto, preparandosi per andare in scena prossimamente a Broadway, riceve in omaggio un’auto di lusso e un autista a sua disposizione.
Nel frattempo Artie, che studia all’università di Brooklyn, prende la metropolitana ogni giorno, fino a quando un uomo con le stampelle non gli ruba lo zaino contenente il suo laptop. Artie, impossibilitato a seguirlo in carrozzella, chiede consiglio ai suoi amici, ma l’unico interessato al suo problema sembra Kurt.
Artie approfitta dell’accaduto per rivelare a Rachel che si sta alienando dal mondo, comportandosi come una ragazza che lei in realtà non è. Ferita nell’orgoglio, Rachel inizia a riflettere, giungendo alla conclusione che il suo amico ha ragione. Per scusarsi e farsi perdonare, si offre di prendere la metro ogni giorno con lui per proteggerlo da eventuali aggressioni, a patto che lui la aiuti a rimanere con i piedi per terra.

Vediamo poi in questo episodio, per la mia gioia, tantissime scene tra Kurt e Blaine. I due fidanzati iniziano finalmente a convivere, andando insieme alla NYADA e godendosi tutto il tempo insieme. Purtroppo Blaine non si accorge che i suoi tentativi di risultare romantico e premuroso stanno iniziando a opprimere e soffocare Kurt, che ha invece bisogno di un po’ di tempo per se stesso. In cerca di un aiuto, si confida con Elliot, che gli consiglia di parlarne con Blaine e di pensare anche a staccarsi ogni tanto dall’oppressione della loro coppia.
Dopo un litigio su come arredare il loro appartamento, Blaine scopre che Kurt ha chiesto consiglio a Elliot, e va come una furia a casa sua, accusandolo di star cercando di rubargli Kurt. Dopo un breve chiarimento tra i due, Elliot confida a Blaine quanto Kurt dimostri il suo amore per lui, e che la loro relazione è forte.
Tornato a casa, dopo aver fatto pace con il ragazzo, Blaine prende una decisione difficile ma più che giusta: lascerà l’appartamento, andando a vivere da un’altra parte. Questo non porterà alla rottura della coppia, ma a un loro rafforzamento.

L’ultima scena vede anche Mercedes a New York che, con una stanza in più da affittare, decide di lasciarla a Sam e Blaine, entrambi in cerca di un appartamento.

Personalmente mi è piaciuta la decisione di ambientare l’intero episodio nella grande mela ed escludere i nuovi arrivati, anche perché credo che gli sceneggiatori stiano cercando di soddisfare le richieste dei fan. Spero solo che li mostrino comunque ancora di tanto in tanto, anche se per il momento è impossibile.
Ho apprezzato inoltre tantissimo tutte le scene tra Blaine e Kurt, una delle mie coppie preferite di sempre.

La mia performance preferita è stata “People”, cantata da Rachel alla fine della puntata; potete rivederla al seguente link: http://youtu.be/PYFoECcirDc
Potete invece vedere il promo del prossimo episodio, “Bash”, cliccando qui: http://youtu.be/ztWKbP1vQi
Alla prossimamente!

Glee 5×13 “New Directions”

Avviso a tutti i lettori: questo articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione.

Questo episodio si propone come la seconda parte del centesimo episodio, e ha quindi come tema la fine del glee club al liceo di Lima.
Come prima esibizione troviamo Kurt e Mercedes che, sulle note di “I’m Changing”, cercano di convincere Santana e Rachel a riappacificarsi. Nel frattempo, Brittany convince Santana a partire con lei per un paio di settimane, ricordandole anche che essere una stella di Broadway non è mai stato il suo sogno.
La ragazza si convince quindi a lasciar perdere la diatriba, chiede a suo modo scusa a Rachel, e le due ragazze si esibiscono sulle note di una serena “Be Okay”, che strappa un sorriso a tutti per la sua tenerezza.

Altra scena emozionante è l’esibizione di “Just Give Me A Reason”, cantata da Quinn e Puck, tornati ufficialmente insieme. Scena molto dolce e delicata, curata, a mio parere, alla perfezione.
Un’altra scena trova invece Tina indecisa sul suo futuro, che vede le sue richieste di ammissione ai college rifiutate per diversi motivi. Indecisa se andare a New York o meno, viene aiutata da Artie, Blaine e Sam che le infondono coraggio intonando una versione acustica di un evergreen delle Nuove Direzioni, “Loser Like Me”.

Intanto, la vecchia supplente Holly si esibisce in una scena di disco music sulle note di “Party All The Time”, con tanto di costumi e schiuma rosa ovunque. Personalmente, non l’ho trovata una grande performance, ma tutto sommato non era da buttare.
Vediamo poi finalmente i diplomati del 2013 ricevere il diploma: oltre a Sam, Beckie, Artie e Tina (accettata dall’università Brown), anche Brittany riceve il suo diploma dopo un anno di ritardo, grazie all’aiuto di Santana.

Arriviamo poi alla prima delle due scene che mi hanno riempito il cuore. La prima vede Will in auditorium, dove gli originali del glee club proiettano un breve filmato che hanno registrato per il suo futuro figlio; ognuno di loro dispensa complimenti su quanto Will sia un favoloso e meraviglioso insegnante, immaginando e descrivendo un loro possibile futuro. Una volta concluso il video, parte una musica familiare e, uno per uno, tutti i componenti del club escono da dietro le quinte, cantando per un’ultima volta sulle note di “Don’t Stop Believing”, commuovendo moltissimo il loro insegnante.
La seconda e ultima scena mostra Will da solo nell’aula canto vuota, senza strumenti né sedie. Fa una piroetta e poi si inchina nel vuoto. Mentre si avvia verso la porta per uscire, nella sua testa iniziano a risuonare vecchie frasi dette tempo prima dai membri originali del club. Passo dopo passo, risentiamo Rachel, Puck, Mercedes, Kurt, fino a che, sull’uscio, giunge una voce attesa da tutti: Finn. L’insegnante ricorda infatti il discorso fatto dal ragazzo in occasione delle sue ultime Nazionali, dove aveva dedicato la loro vittoria all’insegnante.

Personalmente ho trovato giusto da parte degli sceneggiatori la decisione di non coinvolgere eccessivamente i nuovi membri del club, dedicando a loro solo una piccola scena. Spero solo che questa “esclusione” non venga troppo marcata proseguendo con la serie.

Anche questa volta non è possibile per me scegliere solo una performance preferita; ve ne presento perciò due. La prima è “Just Give Me A Reason”, che potete rivedere a questo link: http://youtu.be/KglN957uXNA
La seconda è “Don’t Stop Believing”, di cui potete apprezzare l’esibizione cliccando qui: http://youtu.be/li0CjDPqCMc

Potete vedere il promo del prossimo episodio, “New New York” al seguente link: http://youtu.be/6n081he9oXY
Alla prossima!

Glee 5×12 “100”

Avviso a tutti i lettori: questo articolo contiene spoiler relativi alla quinta stagione.

Episodio attesissimo da tutti i fan di Glee, essendo di nome e di fatto il centesimo episodio della serie. Fin dall’inizio della quinta serie siamo stati sommersi da spoiler, cose dette a metà e altre lasciate palesemente intendere, e finalmente siamo arrivati alla messa in onda!
La storia si ricollega all’episodio precedente; le Nuove Direzioni, infatti, non avendo vinto le Nazionali, si trovano a dover dire addio al Glee Club e all’aula canto. Per dire ufficialmente addio al gruppo, William chiede a tutti gli “originali” di ritornare, e vediamo perciò di nuovo nell’aula personaggi come Rachel, Kurt, Santana, Mike, Brittany, Puck e Mercedes. Per onorare al meglio la fine delle Nuove Direzioni, il professore propone di rivisitare vecchie canzoni cantate da loro nel corso degli anni.

La prima esibizione è “Raise Your Glass”, cantata da tutti come un grande festeggiamento, accompagnata da un’ospite speciale, April, la finanziatrice dell’auditorium, tornata per cercare di garantire ai ragazzi un’ultima possibilità di far rimanere in piedi il club, fallita però alla grande. Dopo vediamo riunite Santana, Quinn e Brittany, la famosa Unholy Trinity, per esibirsi sulle note di “Toxic”, in una performance assolutamente piena di sensualità e sex appeal, proprio come loro.
Mentre tutti cantano spensieratamente, Mercedes e Rachel si ritrovano a sfidarsi sulle note di “Defying Gravity”, accompagnate da Kurt (che dimostra finalmente a tutti di poter raggiungere la nota più alta della canzone); il loro scopo è quello di dimostrare quale delle due abbia più talento e possa essere ritenuta una diva, chiedendo all’intero gruppo di votare per una di loro. Dopo l’ennesimo scontro con Santana, le due ragazze si convincono di essere ugualmente brave e piene di talento, convinzione dimostrata dalla votazione, che porta ad un pacifico pareggio.

Intanto Santana fa un tentativo per riportare Brittany, la sua ex-ragazza, ad essere di nuovo se stessa; Brittany infatti, dopo aver scoperto di essere un genio matematico, è sempre sommersa e tormentata da equazioni, teoremi e formule, dimenticando del tutto la sua passione per il ballo. Questo la porta infatti a temere di non essere più in grado di esibirsi nei passi di una volta, cosa che invece Santana smentirà, invitandola a danzare con lei, Mike e Jake sulle note di “Valerie”, in un’esibizione strepitosa che la porterà a credere di nuovo in se stessa. Talmente tanto che la ragazza arriverà a baciare Santana, dicendole che, per quanto la sua ragazza possa essere fantastica, non potrà mai darle quello che c’è stato tra loro due, ricordandole che per lei ci sarà sempre.

Dall’altra parte dell’aula canto vediamo una nuova coppia, Quinn con il suo nuovo fidanzato, compagno di studio all’università di Yale. Tirato, ricco e convinto che Quinn sia una ragazza perfetta dal passato cristallino, inconsapevole della sua passata gravidanza, il ragazzo non è visto di buon occhio da Puck, che si rende invece conto di provare ancora dei forti sentimenti per la sua ex-ragazza e madre di sua figlia. Dopo aver cantato per lei “Keep Holding On”, le confessa di amarla, cercando di ricordarle ciò che era davvero e convincendola a raccontare al suo ragazzo tutta la verità sul suo passato. La confessione non viene presa bene, portando a uno scontro tra lui e Puck, e alla rottura della coppia.
Trovandosi nello spogliatoio maschile di fronte alla maglia di Finn, Puck confessa a Quinn di sapere che lei è la sua anima gemella, dicendole che tutto ciò che deve fare è chiedergli di restare. Convinto che il silenzio della ragazza equivalga a un rifiuto, Puck abbandona lo spogliatoio, inseguito però da Quinn, che molto romanticamente gli chiede di restare, baciandolo nel corridoio.

Un’altra ospite inaspettata è Holly Holiday, che ai tempi della seconda stagione aveva sostituito il professor Schuester influenzato, e con cui in seguito aveva avuto una brevissima relazione. Assieme ad April e tutto il Glee Club si esibisce sulle note di “Happy”, coinvolgendo tutti sulle vivaci note della canzone.
L’episodio si conclude con la segreta promessa di April e Holly di fare di tutto per salvare il gruppo dalla sua fine.

Per prima cosa devo dire che questo episodio non si è proprio svolto come speravo; mi è piaciuta la decisione di focalizzarsi sui personaggi “originali” e su alcune performance particolarmente rappresentative. In ogni caso non è stata per niente male, anche se mi sarei aspettata qualcosina in più.
Questa volta è per me impossibile scegliere una sola performance preferita, essendo combattuta tra due: la prima è “Toxic”, che potete rivedere qui: https://www.youtube.com/watch?v=WVAvIcMaRK8 ; la seconda è la splendida esibizione di “Valerie”, che trovate a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=hXraTtoqKXA

La prossima puntata sarà la seconda parte di questo episodio, e vedrà quindi sempre le Nuove Direzioni sulla scia dei ricordi e dell’addio all’aula canto. Potete già vedere il promo della puntata, intitolata “New Direction”, a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=RN_1vF8cy_c
Alla prossima!