Archivi tag: Paura

Paura di cadere

Vedo miglioramenti che non mi sarei mai aspettata. Nell’ultimo mese, ho fatto passi da gigante che non ritenevo assolutamente possibili. Si tratta di cose che per la maggior parte delle persone sono insignificanti, ma per me rappresentano invece un grandissimo cambiamento. Cose come una camminata di mezz’ora da sola, un sorriso e una chiacchierata con qualcuno all’università, un’occasione di confronto, un po’ di autonomia in più. Miglioro a vista d’occhio e mi stupisco di me stessa.

Continua a leggere

Annunci

Ansia sociale ad un matrimonio

Gente. Paura. Persone intorno a te.
Gente. Ansia. Non provare emozioni.

Cosa dico, ciao o salve? L’ho già vista in passato, chi è? Amore dimmi chi è , lo conosci? Come lo devo salutare, se l’ho già incontrato una volta e si offende? E se dico ciao ed è la prima volta e pensa che io sia maleducata? Se chiedono come sto, ricambio loro la domanda? Ma poi, perché si risponde sempre che va tutto bene quando non va bene nulla? Sorrisi, ciao come stai, chiedi di rimando ma nessuna risposta, forse un gesto o un sorriso. Ok non chiedere più, fino a quando si avvicina qualcuno, ricordi il volto ma non il nome e la parentela, discorsi brevi, inutili, vacanze insieme, università, progetti.

Clicca qui per saperne di più!

Che ridere quando…

Che ridere quando ti dicono che l’ansia passa quando ripeti la stessa azione che ti spaventa, più e più volte.

Nei miei panni di socio fobica, posso confermare che non è così. Se possibile, la sensazione peggiora volta dopo volta. 

Ma cosa devi fare di così spaventoso? Parlare in pubblico, sostenere un esame orale o presentarti a un colloquio di lavoro?

No, ordinare due pizze al telefono. Ah. Non andate via, giuro che sono normale. Forse. 

Prigioniera di me stessa

C’è un’enorme differenza tra paura e fobia. La paura è quella sensazione di inquietudine che provi fin da bambino, quando qualcosa ti spaventa e magari non sai come affrontarla. La paura è utile, utilissima; è il meccanismo automatico del nostro cervello per dirci che una certa situazione potrebbe finire male, per avvisarci di un pericolo, per metterci in guardia. Senza la paura, saremmo probabilmente tutti morti o gravemente feriti già durante l’infanzia, maneggiando coltelli affilati, buttandoci in avventure pericolose, attraversando la strada senza guardare, mettendo le dita nella presa elettrica. La paura è utile, ci mette in guardia dai pericoli e ci tiene al sicuro. La fobia, invece, è tutta un’altra cosa.

Continua a leggere per saperne di più!

Glee per me…

Quando ho avuto l’idea per questo articolo, un post più personale rispetto agli altri, l’ho immaginato come un breve pezzo in cui parlare di ciò che Glee, serie tv conclusasi a marzo, ha significato per me nel corso degli anni. Le cose, però, non sono così facili. Mettermi davvero davanti allo schermo e iniziare a buttare giù qualche idea è stato più difficile del previsto, e mi ha costretta a pormi la seguente domanda: “Che cosa mi ha insegnato davvero questa serie tv? Che cosa mi porterò per sempre dietro e non dimenticherò mai?“. Nemmeno le risposte a queste domande sono state facili da trovare, ma con un po’ di ricerca tra i miei pensieri ci sono riuscita. Ho deciso di impostare questo articolo in modo “misto”, unendo parti descrittive a performance di Glee legate a quel determinato argomento. Spero che l’idea vi piaccia e vi auguro una buona lettura!

Clicca qui per saperne di più!